Termometro ascellare: scopri tutto ciò che c’è da sapere

termometro ascellareLa temperatura ascellare è abbastanza precisa?
Quale termometro ascellare utilizzare? Qual è quello più preciso e quello più veloce?
Come va posizionato?
Quali accorgimenti adottare prima e durante la rilevazione della temperatura?
Quanto costa un termometro ascellare?
Queste saranno tutte le domande a cui risponderemo in questo articolo.

 

Temperatura ascellare: come misurare la febbre?

Misurare la temperatura corporea con il termometro ascellare è piuttosto semplice, tuttavia ci sono degli accorgimenti che bisogna prendere in considerazione. Innanzitutto la posizione è molto importante. Non inserirlo a caso, il termometro va messo parallelo al busto e perpendicolare al cavo ascellare. Dopodiché bisogna aspettare circa 2-5 minuti (dipende anche dalla tipologia scelta, il tempo potrebbe anche essere inferiore come vedremo nel prossimo paragrafo).
Altro importante fattore da non dimenticare: misurare la temperatura sempre e solo dalla stessa ascella. Tra quella destra e quella sinistra non vi è la stessa temperatura. Quest’ultima è influenzata da tanti fattori, come l’umidità o il grado di sudore ad esempio. Ricorda sempre che prima di ogni rilevazione l’ascella va asciugata.

 

Termometri ascellari: quali scegliere?

Distinguiamo due tipologie: digitali e al gallio (i modelli infrarossi non sono indicati per misurare la temperatura ascellare).
Meglio il termometro digitale o il termometro galinstan?
Se desideri rapidità allora la tua scelta non può che soffermarsi sui termometri digitali. Possono impiegare anche solo 10 secondi. In più vantano un display lcd dove risulta piuttosto semplice leggere il valore rilevato. Dispongono anche di funzione memoria che consente di visualizzare l’ultima misurazione effettuata. In caso di febbre che supera un determinato valore (solitamente più di 37,5 °C) si attiva un segnale acustico che ci fa subito capire che la temperatura non è di certo bassa. Tutte queste caratteristiche le trovi nel modello Omron Flex Temp Start.
Preferisci, invece, il buon vecchio termometro in vetro?
Allora puoi optare per il termometro galinstan. A dispetto degli ormai banditi modelli al mercurio, non è tossico. La temperatura viene rilevata in 5 minuti (alcuni modelli impiegano anche meno tempo). Il suo prezzo si mantiene più basso [come puoi vedere qui] a dispetto dei modelli digitali [qui puoi scoprirne i prezzi].
Tra i modelli galinstan più economici e affidabili consigliamo il Pic Vedo Ecoplus.

 

Termometro ascellare per neonato: è consigliato anche per i più piccoli?

Quest’ultimo paragrafo si apre con una domanda e vogliamo subito rispondere di sì, è sicuramente consigliato. L’importante è assicurarsi che la punta stia in contatto con la pelle del piccolo per tutto il tempo. Naturalmente questa misurazione può risultare più complicata perché il bambino potrebbe essere infastidito e cominciare a muoversi. Ecco perché in quest’ultimo caso meglio optare per i termometri ascellari digitali che perlomeno sono più veloci. Per la massima velocità di rilevazione bisogna puntare sui termometri infrarossi (impiegano un secondo e alcuni non necessitano di contatto tra la pelle e la punta dell’oggetto).
Un’ultima precisazione: la temperatura di 37.2 rilevata per via ascellare non è da considerare febbre.

Infine vogliamo mostrarti queste vantaggiose offerte che ti permettono di risparmiare ulteriormente sui costi di acquisto di questi termometri ascellari.

 

Ultimo aggiornamento: 18 novembre 2018 17:38
Search